11/06 – ZELINDA DEL RONCO A TEMPO DI RECORD

Giornata gentlemen all’ippodromo Paolo Sesto, martedì 11 giugno, con prova principale riservata ai quattro anni alle prese sul miglio.

La vittoria andava meritatamente a Zelinda Del Ronco, interpretata con mano sicura e gran fiducia dal suo proprietario Lucio Curato che, dopo essere rimasta al largo puntava in avanti ed otteneva il comando da Zimil Again dopo 500 metri, mentre all’esterno progrediva Zinco. Malgrado la spesa iniziale la figlia di Iulius Del Ronco aveva ancora energie per respingere il ritorno della stessa Zimil Again, poi fallosa in retta d’arrivo e sfuggire agevolmente da Zinco e Zinfadel. Per Zelinda Del Ronco, allenata da Ivano Fierro, arrivava anche il record in carriera di 1.13.4.

La classifica finale della giornata veniva vinta da Filippo Gallo, che chiudeva la pratica vincendo le prime due corse del programma. Il primo successo con Twiggy Grif, nella prova con i nastri per anziani di categoria F/G, nella quale la figlia di Eldgrado Bi sfilava in breve e si manteneva fuori dalla portata dei rivali, tra i quali giungeva secondo il penalizzato Neilos Om, concludendo a media di 1.15.8 sul doppio chilometro. Immediato raddoppio con Argentina Jet, alla quale la corsa non veniva per niente favorevole tatticamente, ma la figlia di Naglo non si perdeva d’animo e nel giro finale si lanciava in caccia di Asos Chuc Sm, trovandolo stanco nei metri finali e superandolo facilmente rifinendo i due giri di pista sul piede dell’1.16.6.

Il convegno terminava con la Tris/Quartè/Quintè riservata a soggetti di categoria F. Pacific Model, con Mario Rubino, metteva assieme una performance di tutto rispetto coronata con la vittoria in 1.13.4 precedendo Signorotto Par, Tuono Delle Selve, Pecchiaiolo Jet ed Ubi Maior Regal.

In categoria E, Soffio ed Elena Villani, si ritrovavano davanti a tutti dopo 800 metri grazie alla rottura di Urlo D’Ete, proseguivano ad alto ritmo e si salvavano nel tratto conclusivo da Volavia Di No ed Ulster Op, chiudendo all’ottima media di 1.12.7. In G, invece, Rolex Winner, affidato ad Enrico Somma, si portava presto al comando e non si lasciava avvicinare da Monsieur Gar ed Ultimatrix, completando il tutto in 1.13.8.

Nell’altra prova per i quattro anni emergeva Zlatan Ferm, interpretato da Vincenzo D’Alessandro, che si difendeva da Zar Again, coprendo il doppio chilometro sul piede dell’1.15.3.

Omar Tufano