14/02 – VAPRIO CON ESTREMA SUPERIORITA’

Nel convegno di San Valentino la supetris riservata a cavalli anziani di buona qualità suddivisi su tre nastri sui 2020/40/60 metri.

Favori del pronostico per uno degli estremi penalizzati, Vaprio che, con Renè Legati, affrontava la lunga trasferta.

Malgrado i 40 metri di penalità ed una partenza per niente agevole, il figlio di Adrian Chip riusciva lo stesso a centrare il bersaglio grosso, grazie ad una lunga progressione negli 800 metri finali, che gli consentivano di completare il doppio chilometro in 1.14.7.

Ottimo secondo Zarbon, teoricamente il soggetto più debole visto il numero uno di partenza, ma autore di ottima performance, mentre Utiluss batteva Theodora Op per il terzo posto, e Zinfandel faceva lo stesso ai danni di Ritaritz per la quinta moneta.

Renè Legati, ed il team Gocciadoro anche, avevano già colpito con Uisconsis Vol, che con sicuro percorso da leader portava a casa il successo trottando da 1.13.2.

In apertura di pomeriggio coast to coast di Bithia Di Casei, interpretata da Giuseppe Pietro Maisto, che sceglieva la tattica più appropriata per condurre alla vittoria la figlia di  Pascià Lest al nuovo record di 1.15.7.

Nella corsa riservata agli allievi Aspen Mail, con Carlo Massimo Palo, rimontava Arli Chuck Sm e lo piegava in zona traguardo, concludendo in 1.17.7.

Per quanto riguarda i gentlemen, era Elena Villani in sulky a Visone Jet a tagliare per prima il taguardo sfilando dopo 700 metri e facendo passerella finale da 1.15.3, con tanto di bacio verso il pubblico.

Arrivo a fruste alzate tra Taleggio Lung e Terbio, con quest’ultimo che emergeva nelle mani di Romano Tamburrano, concludendo a media di 1.16.4.

Aguario Cas, guidato da Gaetano Di Nardo, risolveva la partita dopo 600 metri sfilando su Artide e sfuggendo agevolmente dalla stessa, poi battuta anche da A Vita Rl, di ritorno da un errore iniziale ed autrice di percorso interamente al largo. Il figlio di Napoleon chiudeva la pratica in 1.15.2.

Omar Tufano