23/12 – LE TRE PERLE DI LUONGO

Il protagonista assoluto del convegno di lunedì era Vincenzo Luongo, autore di una brillante tripletta.

Il driver napoletano iniziava con Bluejeans Bi, che risaliva gradualmente al largo e superava senza problemi Bonetto Star ai 200 finali, per vincere in passerella a media di 1.18 sul doppio chilometro. Il Bis arrivava con Bluez, anche in questo caso dopo percorso esterno in risalita, nel quale passava in vantaggio ai 500 finali per isolarsi in 1.16.2. Più agevole, invece, era il percorso di Zambezia che, nel preferito cliché di testa, rifiniva il tutto a media di 1.15.7.

Tre vittorie in tre uscite sulla pista per Argentina Jet, con Filippo Gallo in sulky, sempre preciso nelle interpretazioni di questa figlia di Naglo. Sfilato al comando dopo 500 metri il gioco era facile per la favorita che chiudeva da lontano in 1.14.9.

Il fratello Vincenzo Gallo non era da meno, ed in sediolo ad Unica Del Rio centrava il successo in categoria G completando il miglio a media di 1.15.7.

Coast to coast vincente anche di Tower Di Poggio, con Giovanni Petraroli, che difendeva la corda sin dall’avvio e si manteneva fuori dalla portata degli avversari trottando da 1.15.1.

In chiusura di pomeriggio emergeva Vostok, interpretato da Marco Esposito, che scattava con azione veemente sull’ultima curva prendendo nettamente il sopravvento scatenando l’urlo della tribuna, completando il tutto in 1.15.3.

Omar Tufano